All’attore siracusano Luigi Tabita il Premio Nazionale Franco Enriquez 2019 per l’interprazione de “La rondine”, una produzione del Teatro Stabile di Catania

Il Centro Studi Drammaturgici Internazionali Franco Enriquez ha insignito Luigi Tabita del premio Franco Enriquez 2019 come migliore attore, categoria teatro di impegno sociale e civile, per l’interpretazione di Matteo nello spettacolo “La rondine”di Guillem Clua, contro l’omofobia e la violenza, che narra la strage al bar gay di Orlando (USA, 2016). La pièce è prodotta dal Teatro Stabile di Catania  ed ha riscosso nella scorsa stagione un ottimo  successo.

Nato ad Augusta, Tabita si è formato come attore alla scuola del Teatro Stabile di Catania “Umberto Spadaro”. Sin da subito il suo percorso artistico è stato segnato da importanti incontri lavorativi con artisti del calibro di Maurizo Scaparro, Roberto Andò, Roberto Guicciardini, Mamadou Dioume, Irene Papas, Cristina Pezzoli, Laurent Sasportes, Vincenzo Pirrotta, la coppia Vetrano-Randisi, Michele Placido. Ha recentemente debuttato come coprotagonista accanto ad Annamaria Guarnieri e Giulia Lazzarini nella storica commedia noir “Arsenico e vecchi merletti” di Joseph Kesselring.

Con questo Premio il nome di Tabita si aggiunge al prestigioso elenco dei premiati nelle scorse edizioni, tra questi Ferruccio Soleri, Umberto Orsini, Elisabetta Pozzi, Paolo Graziosi, Ascanio Celestini, Maddalena Crippa, Serena Sinigaglia, Maria Paiato.

Il Premio Nazionale Franco Enriquez per un teatro, un’arte, una letteratura e una comunicazione di impegno sociale civile, giunto alla sua XV edizione, verrà consegnato il 30 agosto 2019 a Sirolo, in provincia di Ancona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *