Bengasi 1929. Elvira: Il mio cuore libico.

CATANIA – Sergio Porcarelli, scrittore, racconta nel suo libro  le vicende della sua mamma, la signora Elvira Sciacca. Scappata insieme alla famiglia dalla Libia per arrivare in Sicilia nel 1941. L’opera ha dietro un lungo lavoro di ricerca e ha come «obiettivo quello di mandare un messaggio di speranza di cui lei era un esempio vivente»
Sono passati molti anni da quando Elvira Sciacca lasciò la Libia per arrivare in Sicilia. Un viaggio da profuga di guerra partito da una colonia italiana che per certi versi, nonostante tempi e modi diversi, assomiglia sempre di più a quello che viene affrontato quotidianamente dai migranti oggi. Il paragone viene fornito da Sergio Porcarelli, figlio della profuga di Bengasi, che chiarisce: «Ho messo insieme gli aneddoti della storia di mia madre in un libro dopo un lungo lavoro di ricerca». Tre anni passati, nonostante le ristrettezze economiche e l’assenza di un’occupazione, a mettere insieme i pezzi di una vicenda complicata, vivisezionando centinaia di documenti conservati negli archivi. «Ha vissuto in Libia fino a undici anni per poi arrivare in Sicilia nel 1941».


La tratta Tripoli-Sicilia venne affrontata dalla donna con un aereo partito dalla capitale dello Stato africano, ma la destinazione d’arrivo, almeno quella iniziale, non è Catania. «Venne scelto l’aeroporto militare della regia aviazione di Castelvetrano ma lo spostamento non fu comunque semplice», prosegue il figlio. Tra gli aneddoti che Sciacca ricorda c’è un primo tentativo di volo da Tripoli, effettuato a bassa quota: «I passeggeri temevano l’aviazione nemica ma in realtà quell’aereo aveva problemi di avaria e così furono costretti a un atterraggio di emergenza. Passarano due giorni nelle case coloniche prima di ripartire e arrivare finalmente in Italia».
La permanenza a Castelvetrano in realtà si protrasse soltanto per poco tempo: «La prima tappa è stata Mascali, successivamente si spostò a Motta Sant’Anastasia, Belpasso e Catania, e infine a San Gregorio». Con lei, durante il ritorno in Sicilia, c’era anche la famiglia che in Africa gestiva due negozi di torrefazione: il padre originario di Acireale, poi deceduto nel 1979, e la madre Salvatrice nativa di Vittoria. Nella città dell’elefante la famiglia Sciacca si stabilisce in via Baldanza, nei pressi del palazzo di giustizia.
Della permanenza in Libia la signora Elvira conservò alcuni oggetti, come un fazzoletto ricamato con le palme e una bambola. Nel libro viene ripercorsa la giovanezza della donna con uno sguardo, a tratti malinconico, della vita in Africa e del noto lungomare intitolato al dittatore Benito Mussolini a Bengasi. «Questo libro non è un romanzo ma la storia di come una bambina ha vissuto la guerra e il viaggio verso l’Italia». I primi anni in Sicilia per Sciacca coincidono infatti con i bombardamenti nell’Isola e con l’operazione delle forze Alleate denominata Husky, del 10 luglio 1943. L’obiettivo alla fine è soltanto «quello di dare un messaggio di speranza alle future generazioni».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *