Concerto di Natale nella Basilica di San Saba all’Aventino

Il giorno dell’Immacolata a Roma si terrà uno splendido Concerto di Natale per questa edizione 2018, nella suggestiva cornice della Basilica di San Saba e farà rivivere l’atmosfera Natalizia per entrare nel clima giusto di questa coinvolgente festività.
I cori che eseguiranno questo concerto sono: Coro P.A.C.A.O. della Primaria Associazione Artistica Operaia; Coro Laurentum San Romualdo Abate con la collaborazione della scuola di musica Arts and Music di Roma.
Il programma proposto sarà quello della grande tradizione natalizia anche con brani di musica classica come il Gloria di A. Vivaldi, “Ave verum Corpus” di W.A. Mozart, “Panis Angelicus” di Cèsar Franck, “Cantique de Jean Racine” di G. Fauré . In programma anche i brani originali del repertorio sacro del M° Erika Zoi “Pater Noster” e “Ave Maria” quest’ultima interpretata dal Soprano Enrica Mari ed eseguiti nelle più presigiose Istituzioni musicali e Basiliche romane, brani dall’alto profilo sacro e dalle intense sonorità spirituali, con testo in latino, al pianoforte M° Ilaria Sciullo. Il M° Erika Zoi è compositore e direttore d’orchestra romano che vanta al suo attivo numerose esecuzioni della sua musica originale e direzioni d’eccellenza.
Fra le celebrazioni cattoliche il Natale è indubbiamente quella che riveste maggior importanza nella vita degli esseri umani. La partecipazione ai preparativi di questa solennità è globale, ne sono coinvolti tutti: piccini, adulti, anziani che si prodigano affinchè la collaborazione porti al clima festoso dove l’armonia e la positiva predisposizione degli animi, sono le caratteristiche perchè ognuno si senta realmente parte del creato.
La tradizione natalizia è stata sempre sottolineata dai canti popolari e sacri che fin dal passato ne hanno sottolineato l’importanza, perchè la musica è una bandiera universale che accomuna le genti del mondo e le rende sensibili alle emozioni.
Fin dall’inizio della civiltà umana infatti, la musica è stata espressione privilegiata delle culture e degli usi e costumi dei popoli. Attraverso lo scorrere dei secoli, è diventata linguaggio universale accessibile, superando le barriere di comprensione delle stesse lingue del mondo. Ecco, questa è la grande forza della musica. Attraverso di essa il musicista diventa una guida; la sua forza prepotente aiuta a fissare, a far imparare, ad apprendere gli insegnamenti ancor meglio del puro esercizio logico e mentale. Ma ancor di più, il musicista è il mezzo con il quale le nostre emozioni vengono catturate in una spirale di elevazione, creando in noi la sensazione di essere rapiti dalla musica stessa.
E’ un invito a partecipare al clima di festa e di sacralità come solo la ricorrenza del Natale sa trasmettere, per vivere, un pomeriggio ricco di emozioni in musica.“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *