Tricolore illumina l’ISMETT di Palermo

Palermo – “Uniti si vince”: il Tricolore illumina l’ISMETT di Palermo, l’Istituto ad alta specializzazione nato grazie alla partnership con l’UPMC di Pittsburgh, attualmente impegnato nello studio e nella ricerca di un vaccino contro il Covid-19

La Rete di operatori inerenti al Settore Organizzativo PRO (Partner Rete Operativa), istituita a Palermo, in forma totalmente gratuita e coordinata da Vincenzo Montanelli, a sostegno delle Istituzioni impegnate a vario titolo nella lotta contro il Covid-19, con il plauso del Presidente della Regione Nello Musumeci, illuminerà con il Tricolore l’edificio dell’Istituto mediterraneo per i trapianti e terapie ad alta specializzazione (ISMETT) di Palermo (via Ernesto Tricomi, 1), fino al 27 aprile 2020 (dalle ore 20.00 alle ore 4.00).

Il gesto simbolico vuole testimoniare sostegno e riconoscimento a tutti coloro che hanno dato e continuano a dare il proprio contributo nella ricerca scientifica, unica arma concreta in questa lotta che coinvolge l’intera umanità.

L’unica speranza di riuscire a contenere, e dunque gestire, la pandemia generata dalla diffusione del Covid-19 risiede negli studi e nelle sperimentazioni che, da settimane, coinvolgono i principali centri deputati in tutto il mondo: tra questi risultati incoraggianti, in via di sviluppo, sono stati conquistati dalla University of Pittsburgh Medical Center (UPMC) che è anche socio fondatore in partnership con la Regione Siciliana dell’IRCCS ISMETT di Palermo.

“ISMETT e Ri.MED – sottolinea Angelo Luca, direttore di ISMETT – sono impegnati a sostenere la Regione Siciliana nell’affrontare l’emergenza COVID-19 sia sul fronte della cura che su quello della ricerca. La Fondazione Ri.MED in particolare ha destinato a ISMETT 1 milione di Euro da destinare a progetti di ricerca sul COVID 19”.

Il team di medici e scienziati di Pittsburgh, nelle scorse settimane, ha già scoperto un potenziale vaccino contro il SARS-CoV-2, il nuovo Coronavirus che è causa dell’attuale pandemia.

I primi test, molto promettenti, dello studio, il primo ad essere stato pubblicato in seguito a revisione da parte di scienziati di altri istituti, che dovrà affrontare le fasi successive di verifica, sono, dunque, motivo d’orgoglio per la Sicilia e per l’Italia intera.

UPCM, insieme alla Regione Siciliana, è stato fondamentale promotore del reperimento del materiale sanitario e medico giunto, in più riprese, nell’Isola a sostegno del personale medico e degli operatori dei diversi settori coinvolti nella lotta la Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *